lunedì 7 marzo 2016

Aggiornamento FTSE MIB al 4 marzo 2016

Nonostante il QE e il "Bazooka" di Draghi, i sogni di gloria dell'indice italiano sembrano essersi ridimensionati, e di parecchio.


In più, Wall Street sembra lanciata verso un duraturo ribasso.


Se così davvero fosse, come minimo nei mercati europei non si faranno faville, ma è molto più probabile che essi seguano a ruota l'indice americano (il bello e cattivo tempo lo fanno loro se per qualcuno non fosse ancora chiaro. In tutti i sensi e i campi).

C'è un altro indicatore che a vederlo indica per WS l'avvicinarsi di nubi molto scure, il NYSE Margin Debt. Come vedete, sembrerebbe aver fatto il massimo e preannuncierebbe un altro crollo con relativa recessione.

E le obbligazioni? Rendono una miseria e c'è sempre il rischio che i tassi si alzino.

E le obbligazioni estere? Con la guerra valutaria in atto, si può andare incontro ad una svalutazione con conseguente perdita di valore dell'obbligazione.

E l'oro? Di male in peggio, visto in ribasso almeno fino a fine anno, ma credo anche di più.
E l'immobiliare? Sta sul minimo di lungo periodo, ma se l'inflazione resterà così bassa, i consumi continueranno a comprimersi ed i prezzi dei beni (inclusi gli immobili) continueranno a scendere, oppure resteranno fermi. E se restiamo nell'euro, come fà l'inflazione ad alzarsi?

Lasciamo i soldi in banca? Magari! Ci hanno pensato già a Bruxella, e hanno messo a regime il bail-in, detto anche fott-i-sord-ai-soliti-poll.

Contanti sotto al materasso? Sia mai, c'è la lotta la contante, perchè il contante è il MALE e la carta di credito il BENE.

E che facciamo allora? Soldi (sul breve-medio termine, ed al ribasso se necessario), quelli che servono, e niente più. Averne troppi è controproducente, averne pochi troppo rischioso. Prima casa di proprietà, downshifting, e 1000€ al mese. Oppure 25 ore al giorno lavorando da imprenditore, per diventare ricchi (nel senso di pieni di denaro, beninteso).

Saluti
Ivano


6 commenti:

  1. Il Margin Debt sembra essere un indicatore anticipatore della direzione del mercato. Lo ritieni più utile come indicatore di ingresso o di uscita dai mercati?

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembrerebbe. Inizierò a monitorarlo, con cautela. Ciao

      Elimina
  2. A questo punto, che ne dici di provare a shortare S&P500?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei libero di fare ciò che ritieni più opportuno mica ti devo dare il permesso io :-)

      Elimina
  3. Il 23.02.16 sono uscito con BEARMIB e EUS3, poco meno di 3000 totali investiti dal 10.12.15 (2 mesi e 13 giorni!), profitto netto 218 euro(!). Stessa data ho acquistato ETFMIB e USE3 sempre 3000 circa, ora lordi sono già 65 euro di profitto in due settimane...
    Ovviamente è andata bene, grazie alle tue dritte sul FTSEMIB. Per me anche per queste cifre ci vuole pelo sullo stomaco, non amo rischiare quando ho poco.
    Ma a pensare che il mio libretto di risparmio Smart ora sta al 0,01% lordo...
    sommo poi i 34,20 euro per le somme superiori ai 5000 di giacenza media annuale, mi infastidisco al pensiero che devo pagare per la custodia dei miei soldi. Allora dico, piuttosto di lasciarli a questi 'bancari' li spendo in beni di mia utilità, ad esempio migliorie nell'abitazione dove vivo.
    Poi penso: e se è proprio quello che vogliono? Che ci spendiamo tutto anche quando non abbiamo realmente necessità? E se io volessi accumulare in questo momento della vita? Allora torno a ripensare ai miei ETF.... :)

    Scusa la divagazione,
    Ciao!

    RispondiElimina
  4. Christian se provi a shortare S&P500 in questo momento rischi di farti male.
    Ciao
    Mex

    RispondiElimina

ATTENZIONE: Postando un commento accetti la privacy policy di questo sito, redatta in adempimento dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dell’art.13 del Regolamento UE n. 2016/679. La privacy policy è visibile da tutte le pagine del blog mediante link nel menù principale in alto a destra.