venerdì 10 luglio 2015

NOCASHTRIP = BULLSHITTRIP

Ieri è terminato il NOCASHTRIP, l'iniziativa che vuole portare all'attenzione della gente il problema dell'uso dei contanti.

Ehhhhhh sì, i contanti sono un problemone. Costano miliardi per la produzione e la loro messa in sicurezza. Poi sono sporchi, pieni di batteri. E l'evasione fiscale? Quasi tutta colpa del contante. Insomma il contante è obsoleto, costoso, pericoloso per la salute, inquinante e scomodo.

Ovviamente tento di essere ironico, eppure c'è molta gente che crede (magari in buona fede) a tutto ciò.

Basta vedere l'elenco degli sponsor del NOCASHTRIP (l'ABI e tutte le società che guadagnano sui pagamenti elettronici) per capire il conflitto di interessi che ci potrebbe essere dietro. Non poteva mancare la presenza di una certa politica, che con le banche e i pagamenti ci sa fare, basta guardare come hanno ridotto il Monte dei Paschi di Siena.

La realtà documentata, ci dice che rispetto ai pagamenti elettronici, il contante è più comodo, più veloce, più accettato, più rispettoso della privacy e più economico.
  1. Il contante è l'unico mezzo che può essere almeno parzialmente sottratto al controllo del sistema bancario.
  2. Prelevando contanti e pagando con essi si ha un immediato controllo sulle proprie spese. Se si prelevano 100€, si spendono e poi se ne riprelevano altre 100, ci si rende conto subito che siamo sotto di 200€. Non altrettanto bene si riesce a fare quando si paga con carte e bancomat.
  3. L'uso del contante è immediato e il suo funzionamento possibile anche in mancanza di corrente elettrica o collegamento telematico.
  4. Il contante è anonimo, che non è un male. A tutti fa piacere un pò di privacy, senza far sapere ad istituzioni private, che magari poi si rivendono i dati a loro volta, tutte le spese che facciamo, quando, come e con che frequenza. Un pò di salutari "c...i nostri" insomma, per piccoli importi (ormai sopra i mille euro non si può comprare nulla in contanti) e quindi niente a che vedere con la lotta all'evasione. Ma il NOCASHTRIP è fatto proprio per i micro-pagamenti, di pochissimi euro, e si sa che neanche proibendo del tutto l'uso dei contanti si eliminerebbe l'evasione fiscale, visto che la grossa evasione non usa il contante, ma fatturazioni farlocche, trucchi contabili e proprio canali telematici che sono ancora sicuri e anonimi. Inoltre l'evasione fiscale è correlata al livello di tassazione (punto 4 quarta pagina), al tipo di fiscalità, e ad altri fattori (che potete approfondire nei due link) che con l'uso del contante non c'entrano una beata mazza (il contente nei vari studi sull'evasione non viene mai nominato).
  5. Le scuse sulla difficoltà a mettere in sicurezza il contante sono solo scuse, infatti aumentano i crimini telematici con il diffondersi dei pagamenti elettronici. I criminali si spostano e si adeguano alle nuove tecnologie, non spariscono insieme al contantante. Saremmo chiamati ad impiegare più risorse in analisti e server invece che in cassaforti, spendendo forse anche di più.
  6. I contanti sono sporchi, verissimo, ma non più delle tastiere dei POS e sembra addirittura meno delle stesse carte di credito che sono lercie come le fiches dei casinò e le cravatte (le cravatte sono fuori contesto ma io le odio e quindi colgo ogni possibilità per denigrarle).
  7. La diceria che il contante costi miliardi può anche essere vera, anche se non ci sono fonti precise a riguardo. Se ne avete una, vi prego di farmelo sapere. Il contante però risulta comunque il metodo di pagamento meno costoso. Lo vedremo nel dettaglio.

Il costo del contante
Torniamo alla parte che ci interessa di più, visto che di soldi si parla su Borsole. Il basso costo delle transazioni elettroniche è una falsità, a meno di non voler contraddire la stessa Banca d'Italia, qui a pagina 16, tavola 8.

Una operazione col contante ha un costo sociale di 0,33€, contro 1,9€ di una carta di credito. Per gli esercenti poi, si va dagli 0,18€ del contante fino a 1,68€ della carta di credito (tavola 9). Certo, c'è sempre la vaga promessa che con la diffusione si abbasserebbero i costi delle commissioni bancarie. Vaga promessa perchè di garanzie non si parla mai. Non mi sembra ad esempio, che il POS obbligatorio sia arrivato gratis negli esercizi commerciali.

E' vero però (cito sempre dal documento) che:

"La carta di debito è lo strumento meno costoso per le banche; seguono gli addebiti preautorizzati e i bonifici. Particolarmente rilevante appare l’incidenza dei costi dei bonifici tradizionali rispetto a quelli elettronici (quasi 4 volte), quale riflesso dei maggiori oneri legati alla gestione delle materialità."

Insomma sembra chiaro che se sparisse il contante, i costi per la gestione delle transazioni finanziarie si sposterebbe dalla banca al suddito (scusate, cittadino), e la banca aumenterebbe il proprio reddito visto che guadagna su tutte le transazioni, tranne quelle in contanti. Se è vero che il contante ha costi miliardari di gestione (tutto da dimostrare), gli stessi verranno semplicemente spostati sui mezzi di pagamento elettronici. La guerra al contante sembra una guerra che vuole un solo esercito, quello delle banche, che hanno interesse a lucrare sulle commissioni a carico del consumatore, del commerciante o dell'imprenditore di turno e a diminuire le spese. Senza contante inoltre, lo stato avrebbe il controllo totale sulle finanze delle persone. In casi estremi, potrebbe bloccare ogni accesso ai conti personali e quindi rendere di fatto impossibilitato il cittadino ad avere un sostentamento. 

Una vera schiavitù.

Ma queste cose gli eroi che hanno scorrazzato in giro per l'Italia per dimostrare che è difficile pagare un caffè con una carta di credito evidentemente non le sanno, e non vogliono neanche starle a sentire*. Eppure basterebbe leggere proprio i documenti della Banca d'Italia e della Bundesbank, mica di qualche anarchico sovversivo.

Questo sempre per dimostrare che pensare è più difficile che farsi inc.....

 
*P.S.
Ho provato a postare un riassunto di poche righe di quanto detto in questo post (con qualche numero ed il link del documento di Bankitalia) sulla pagina facebook dei nostri eroi telematici. Il mio commento è stato censurato in 10 secondi. Dopo un secondo commento in cui li ringraziavo per avermi censurato, hanno bloccato ogni cosa lasciando solo lo share e i like come opzioni. Si sà, la verità fa male, e la democrazia, quella vera, anche...

P.S.S.
In Germania ancora l'80% degli acquisti avviene in contanti. Io ho comprato un'auto usata quando ero lì, nel 2010, con 3300€ in contanti (ovviamente guadagnati con lavoro regolare). Quando sono andato a prenderli in banca, mi hanno chiesto solo se li volevo tutti in pezzi da 500€ oppure misti. La Bundesbank ha addirittura organizzato un convegno a difesa del contante (Bargeldsymposium, 10 ottobre 2012 e 14 maggio 2014) definendolo il mezzo di pagamento "di ieri, di oggi e di domani". In Svizzera ci sono bancomat che rilasciano banconote da 1000CHF (circa 950€ oggi). Giusto per quelli che dicono che solo noi usiamo troppo contante mentre i paesi "virtuosi" non lo fanno, e che siamo indietro rispetto al resto d'Europa.

6 commenti:

  1. grazie. ci vogliono solo controllare. e spremere

    RispondiElimina
  2. Anche sui conti correnti che hanno fatto aprire sopra i 500 euro ci lucrano sopra... infatti il conto arancio si chiama così perché viene spremuto bene bene...

    RispondiElimina
  3. Scusa Anonimo non ho capito bene cosa vuol dire sopra i 500 euro ci lucrano sopra.
    Ho conto arancio e non mi sento spremuto......
    Mex

    RispondiElimina
  4. Vuol dire che hanno fatto aprire i conti correnti anche ai pensionati che riscuotono 501 Euro facendo pagare ilmeno il minimo sindacale dei bolli...il riferimento al conto arancio è una battuta: arancio=spremuta...

    RispondiElimina
  5. Buongiorno, dal momento che la sua guerra alla moneta elettronica è totale, coma mai accetta donazioni "nocash"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rilegga bene l'articolo, io non faccio la guerra alla moneta elettronica, anzi ne riconosco l'indubbia utilità in determinate situazioni, semmai sono altri che fanno la guerra al contante, sparandole grosse.

      Vorrei un sistema dove ognuno sceglie ciò che preferisce, senza essere demonizzato o condannato a priori.

      Se vuole farmela in contanti la donazione, è il benvenuto, ma mi raccomando non più di 999€ senno siamo criminali a prescindere :-D

      Magari mi inviti per una pizza, così le spiego in dettaglio in che consiste la guerra al contante (anche se nell'articolo mi sembra abbastanza chiaro)

      Saluti
      Ivano

      Elimina