sabato 7 maggio 2022

Aggiornamento al 6 maggio 2022 ------------------------------------- Guerra


Salve a Tutti,

C'è bisogno di un post "discorsivo" per analizzare il tasso del trentennale, che ormai ha superato il 3%. Visti i commenti dell'ultimo mese, chiarisco subito un fatto: è ovvio, che se la mia idea era di non vedere il trentennale sopra il 2%, vederlo al 3% sia indice di una mia errata valutazione.

Per quel che mi riguarda, poco importa se il tema è un eccesso di volatilità o la solita follia mercatizia. Differentemente, importerebbe eccome, ed è questo che vorrei discutere con i lettori, oggi.

Una doverosa premessa da fare, riguarda il dollaro, ed un vecchio articolo scritto a luglio 2020. Tale articolo analizzava i due possibili scenari in cui poteva muoversi il cambio EUR/USD, con quello che io ritenevo il più probabile. Anche a quel tempo, scrissi l'articolo a causa dei numerosi commenti preoccupati, al vedere il cambio a 1,24.

Sappiamo tutti come è andata a finire. Oggi il cambio si trova ad 1,06 e niente lascia presagire che quella miserabile valuta chiamata euro possa in qualche modo tornare alla ribalta, vista la situazione in cui versa l'Europa grazie alle scelte folli della UE (vedasi sanzioni, o meglio sarebbe chiamarle auto-sanzioni).

Inoltre, la bussola del forex di mia invenzione, prevede abissi ancora più profondi, anche se sembra si intraveda una pausa:


Per il trentennale, siamo oggi nella medesima situazione. L'analisi tecnica ci dice che il canale è stato rotto, quindi si preannuncia un target di lungo periodo... meglio non pensarci!


Invece i fondamentali ci parlano di una recessione mondiale dove c'è l'opportunità di investire risk free al 3% di rendita...

C'è un però. Le vendite di giovedì dei tresuries sono inspiegabili (per me). Non riesco a capire chi venda insomma. Sicuramente, la FED non compra più, coerentemente con il tightening. Ma c'è all'orizzonte, al 90% di probabilità, una recessione mai vista prima, e la FED sembra non essere interessata a fare da argine, mentre i detentori di titoli americani stanno vendendo. La vera domanda dunque è:

"Possibile che già adesso i titoli americani abbiano perso di appeal? I grandi players internazionali pensano, vedendo lo svolgimento della guerra ucraina, che lo Zio Sam non possa più garantire il debito? Oppure è parte del grande reset, anche un annientamento dell'economia americana?"

Eccola, la mia unica preoccupazione, coerente con il quadro. Capite l'importanza? Spiegherebbe perché il dollaro è fortissimo verso tutte le valute (serve ancora per più della metà degli scambi commerciali reali e 3/4 del forex) ma non lo sono i tresuries. L'altra ipotesi ovviamente, è che sono tutte pippe mentali ed il rendimento dei treasuries a crisi conclamata rintracci veloce quanto sta salendo adesso.

A differenza del dollaro però, non ho probabilità per questi scenari - perché siamo in territori sconosciuti. Posso solo dirvi che per quel che mi riguarda rimango investito cosi come sono.

L'azionario nel frattempo sta iniziando a crollare, nel silenzio generale. Abbiamo Netflix giù del 70% dai massimi, Facebook 30%, Amazon 40%. In realtà il mercato americano scende da parecchio tempo (già ho chiuso short 5-6 operazioni quest'anno), ma il calo è mascherato dai fondi passivi che reggono l'indice. In questo articolo la faccenda è spiegata benissimo. Il succo è, che quando i maggiori titoli acquistati dai maggiori ETFs azionari cederanno (Apple, Microsoft, Google e Amazon soprattutto, ma anche Netflix, Nvidia, Tesla, Berkshire Hathaway e JPM), la caduta sarà violenta è profondissima. I flash crash a cui assistiamo sono le avvisaglie, altro che fat finger! Siamo in mano agli algoritmi e quando scattano non ci sono stop loss che tengano.

Ecco perché non voglio trovarmici in mezzo, a qualunque costo!

Per il resto al momento siamo in economia di guerra, quindi tirano le materie prime e la valuta per comprarle, il dollaro, non può che trarne benefici.

Spero di aver chiarito la faccenda treasuries una volta per tutte, e mi scuso di non aver potuto scrivere in maniera esaustiva della faccenda fino ad oggi.


Saluti

Ivano


Link all'aggiornamento precedente

37 commenti:

  1. Non è che la Cina sta vendendo Treasuries a palla per indebolire finanziariamente gli USA in vista di un attacco a Taiwan?
    Cosa succederà domani nessuno può saperlo certo che chi ha comprato Treasuries rischia una scoppola epocale.
    p.s. Ma tu sei convinto che sia in corso il cosiddetto grande reset?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinto che ci stanno provando e per ora in molti posti stanno riuscendo, ma non è facile né scontato

      Elimina
  2. "Possibile che già adesso i titoli americani abbiano perso di appeal? I grandi players internazionali pensano, vedendo lo svolgimento della guerra ucraina, che lo Zio Sam non possa più garantire il debito? Oppure è parte del grande reset, anche un annientamento dell'economia americana?"

    Calma, calma, non corriamo troppo con la fantasia. Per come funziona oggi il sistema, se fosse così il commercio globale probabilmente sarebbe impossibile e questo porterebbe alla morte delle economie. Cerco di spiegare in maniera semplice come funziona il sistema con un esempio. Se un'azienda cinese ha bisogno di petrolio deve procurarsi i dollari che servono per acquistarlo. Può cambiare valuta locale con dollari sul forex, ma più comunemente, soprattutto per grossi quantitativi, cercherà di ottenere i dollari che le servono chiedendo un prestito in dollari presso una banca cinese. Se la banca cinese quei dollari non li ha, chiederà un prestito ad un'altra banca (cinese o di qualsiasi altro Stato). Potrebbe anche chiedere il prestito in dollari alla propria banca centrale, ma questa potrebbe negarlo (per esempio perchè non vuole privarsi delle sue riserva in valuta estera) visto che questa funge da prestatrice di ultima istanza solo per la valuta locale e non per quella estera. Di solito questi prestiti fra banche di diversi paesi in dollari avvengono nella forma del pronti contro termine, ma possono avvenire anche OTC con contratti swap. Di sicuro però nei p/t, ma oggi sempre più anche negli swap, questi prestiti non avvengono "sulla fiducia", ma dietro una garanzia (collaterale). Quale è il miglior collaterale al mondo (il più sicuro)? Sono i titoli di stato americani. Se questi mancano il commercio globale basato sul dollaro come moneta di riserva globale non può più avvenire. Ecco perchè lo Zio Sam non può permettersi che il suo debito non sia più garantito.

    CONTINUA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma secondo te,grazie anche ai tuoi studi,grazie ai quali dici che questa volta è diverso,pensi che nel medio lungo i tassi dei Treasuries torneranno
      a scendere ?

      Elimina
    2. Puoi scommetterci, ma non nel medio lungo, molto prima.

      Elimina
  3. CONTINUAZIONE

    Per quanto riguarda il rendimento del trentennale americano oggi quasi a 3,24%, guardo a quello che ci dicono allo stato attuale (ma tra 5 mesi potrebbe essere diverso) i futures sui Fed Funds, che prevedono un aumento dei tassi a luglio 2023 in area 3,50% - 3,75%, valori che ad oggi dovrebbero costituire il tetto massimo di aumenti previsti dalla Fed. Ma quante volte la Fed è riuscita a completare il suo ciclo di aumenti previsti? Risposta: mai! Quindi quel valore non mi preoccupa più di tanto al momento.

    Quello che invece è più difficile da spiegare è non tanto perchè i titoli lunghi abbiano un rendimento così elevato, quanto perchè i titoli a breve hanno un rendimento così basso. https://fred.stlouisfed.org/graph/?g=P4Gw La curva 10Y-2Y si è invertita ed ora ha ripreso a salire (come ha sempre fatto prima di ogni recessione), ma la curva10Y-3M, a differenza del passato, ha seguito tutt'altra strada questa volta (ancora peggio la curva 10Y-1M). Perchè? Studio il mercato degli eurodollari da più di 10 anni ed ora vi dirò una cosa che non troverete scritta da nessuna parte. Vi chiedo di credermi sulla parola, perchè proprio il mercato degli eurodollari può darci la risposta. Abbiamo detto che il miglior collaterale nei prestiti di dollari tra banche di diversi paesi è il titolo di stato americano. Ma fra tutti i titoli di stato americani qual è il migliore? Risposta: il titolo di stato a più breve scadenza di nuova emissione (questo per ovvi motivi). Quindi un T-Bill a 1 mese è un miglior collaterale di un treasury a 10 anni, e un T-Bill a 1 mese è un miglior collaterale di un titolo di stato a 5 anni al quale manca un mese alla scadenza.

    Ora rilevo due cose: 1) https://www.tradingview.com/x/vgueprHD/ Un dollaro molto costoso rispetto alle altre valute (siamo in prossimità di una forte resistenza) e 2) Ultime due aste di T-Bill a 1 mese e a 3 mesi di quantità inferiori alle precedenti.

    Ecco che forse si può spiegare come mai questa volta è diverso. Bisogno di dollari per il commercio, ma costo dei dollari molto alto e, contemporaneamente, scarsità del miglior collaterale spiegherebbe come mai i prezzi dei T-Bill a 1 e 3 mesi siano così alti e di conseguenza i rendimenti così bassi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ma quante volte la Fed è riuscita a completare il suo ciclo di aumenti previsti? Risposta: mai! Quindi quel valore non mi preoccupa più di tanto al momento."

      E' il motivo per cui resto investito.

      "Quello che invece è più difficile da spiegare è non tanto perché i titoli lunghi abbiano un rendimento così elevato, quanto perché i titoli a breve hanno un rendimento così basso."

      Questo lo ho notato anche io, ma vi ho dato meno importanza perché l'inversione 2-10y è più affidabile. Interessante la spiegazione finale. Ma perché meno quantità di T-Bill a 1 e 3 mesi nelle aste?

      A proposito della resistenza del dollaro intorno 1,05, faccio presente che in caso di rottura il primo target è la parità ma in realtà c'è un abisso fino al minimo storico di EUR/USD, che corrisponde di fatto all'esordio dell'euro (un esordio da campioni, non c'è altro da dire).

      Elimina
    2. La quantità di T-Bill offerta nelle aste dovrebbe dipendere dalle esigenze correnti a breve di bilancio per gli Stati Uniti. In teoria questo dato non dovrebbe essere influenzato dalle politiche monetarie della Banca Centrale.

      Ora non sono in grado di dire se si possano essere manipolazioni anche su questi dati. Certo è che i rendimenti a 3 mesi, per come la vedo io, dovrebbero essere già intorno al 3%, mentre invece non raggiungono neanche l'1%.

      Molti blogger, sia italiani che stranieri, guardando la curva 10Y-3M sostengono che questa volta potrebbe essere diverso, che non ci sarà recessione, ma atterraggio morbido. Potrebbe anche essere che sapendo che queste curve sono ormai guardate da tutti, possano essere appositamente manipolate per crearsi una dote di più tempo per fare gli aumenti dei tassi. Oppure questa volta potrebbe essere veramente diverso ...... sì, fino a che non diventa uguale!

      Comunque sia non ho mai dato molta importanza a questo tipo di curve. Preferisco guardare a cosa succede nel mercato dell'eurodollaro, ad altro tipo di curve (che pochi conoscono perchè te le devi costruire), come gli swap spread negativi e la curva dei futures sull'eurodollaro invertita, che stanno urlando a gran voce ..... recessione.

      Elimina
  4. Buongiorno a tutti,
    grazie per gli aggiornamenti Ivano e Fabio per gli spunti di riflessione.
    Faccio una domanda a chi è più "smart" ed esperto di me, in parte mi ha già risposto Fabio in separata sede ma vorrei fare un giro di opinioni per capire se abbia più o meno senso quello che sto per dire.
    Mi rivolgo in particolare a chi utilizza Fineco come broker. Molti di voi immagino si trovino "incastrati" con grossa fetta del capitale in treasuries e magari con scarsa liquidità per entrare pesantemente ora che i bond hanno molto più senso.
    Ebbene Fineco permette di richiedere un "prestito" mediante Credit Lombard, in sostanza si mettono a collaterale dei titoli in portafoglio e Fineco concede liquidità pronta da spendere ad un vantaggioso tasso dell'1%.
    La "pazzia" che mi balenava in testa era la seguente: ma se mettessi come collaterale i miei treasuries già presenti nel mio portafoglio per ricevere liquidità da utilizzare per "mediare" il prezzo di acquisto? Ovviamente il collaterale sarebbero esclusivamente i treasuries e non altre azioni e strumenti più volatili presenti comunque nel mio portafoglio.
    A questo punto avrei mediato bene il prezzo di carico, fiducioso che i rendimenti si trovino già oltre la follia, inoltre il tasso del credit Lobard dell'1% annuale sarebbe abbondantemente coperto dalla cedola del 3%.
    Ovvio, rimane il rischio cambio ed il rischio che effettivamente i treasuries rompano il muro del 3,4% ma li sarebbero cazzi grossi per tutti...
    Cosa ne pensate?
    Grazie

    Gabriele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non investo mai soldi che non ho. Non che non sia possibile, ma ritengo che noi comuni mortali non abbiamo un angelo custode nelle banche centrali che ci aiuti quando siamo nei casini. Insomma, prendere a prestito per investire è il modo migliore di rovinarsi se le cose vanno male.

      Elimina
    2. Si si può fare. Io lo feci. E' un'operazione a leva - la leva è l'unico metodo per fare soldi velocemente, ma anche andare in rovina. Considera che devi dare in garanzia bond con un valore di mercato pari al 160% del prestito che chiederai. E che i bond in pegno resteranno bloccati in apposito nuovo deposito titoli, quindi non li potrai più vendere fino all'estinzione del Credit Lombard. Ma produrranno cedole maggiori del costo del prestito, quindi ci guadagni anche su quello (al netto della patrimoniale Monti) Io ci guadagnai parecchio perchè i bond salirono di prezzo il 15%. All'estinzione dovrai prima ricostituire la liquidità presa in prestito o con nuovi versamenti oppure vendendo i bond che hai comprato col prestito. Sicchè il rischio è che se sei in perdita coi bond dovrai vendere in perdita e mettere nuovi soldi a saldo. Sia per la costituzione che per l'estinzione ci sono tempi tecnici. Devi essere svelto a estinguere per chiudere la posizione e fare gain. Se è probabile (come ora) che i bond US non scendano più ma fra poco risalgono, conviene. E' una tua valutazione. Io non lo rifaccio perchè quando lo feci misi in garanzia bond US che erano in gain, ora sono in perdita del 17%.

      Elimina
    3. Grazie Gino,
      infatti volevo fare proprio questo...e credo che rispetto a mettere in pegno treasuries già in guadagno come nel tuo caso, farlo ora credo sia molto più sicuro. Innanzitutto perchè il "credit power" del Lombard è inferiore essendo i bond sotto del 15% circa, poi ovviamente ci troviamo in un momento storico in cui una ulteriore perdita dei bond (e conseguente ulteriore rialzo dei tassi) è alquanto improbabile.
      Come dicevo, se effettivamente parliamo di investimenti "risk free" utilizzando la leva c'è ampio margine di guadagno, sempre se le cose andranno come devono andare.
      Ovviamente una volta che i bond tornano verdi si liquida immediatamente il prestito per evitare di incastrarsi nuovamente in caso i tassi dovessero risalire per qualsiasi ragione.
      Credo che in questo momento per chi ha Fineco ed ha già in pancia dei treasuries, vi sia un buon rapporto rischio/rendimento sfruttando il Lombard per acquisto di ulteriori bond.
      Grazie

      Gabriele

      Elimina
  5. Tra il 27 e il 30 agosto 2019 abbiamo avuto un'inversione dei rendimenti tra Us10 e Us02. C'è stato il crollo di febbraio-marzo 2020 ma era dovuto alla scoppio della pandemia.
    Se é vero che lo spread é indicatore di una prossima recessione, come andrebbe interpretata l'inversione del 2019?

    Grazie,
    Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il crollo per la pandemia era l'indice che ad ogni allarme il mercato e' pronto a collassare. Quella volta anche lo hanno aiutato, stavolta chissa'

      Elimina
  6. Non si riescono a trovare camerieri, baristi, cuochi. Nessuno vuol lavorare e le aziende non trovano personale da assumere.
    Nel frattempo tantissimo tempo libero, musei palestre piscine calcetto, tanti smartphones, trading online, tanti bonus sconti incentivi cassa integrazione e reddito di cittadinanza anche all'ultimo africano analfabeta appena sbarcato, poi tanta gente che va a fare aperitivi, cene, vacanze, ma mancano chi li serve.
    Intanto stanno arrivando milardi euro dall'europa.
    Eh già, proprio un'economia di guerra... se sono cosí le guerre le vorrei tutti i giorni...

    ~ praya ~

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso garantirti per esperienza personale che non si trova gente per lavorare perche' ti offrono talmente poco che se elemosini di fronte alla conad alzi piu' soldi. E' negli ultimi anni che stiamo vivendo al di sopra delle nostre possibilita', perche' non ci fanno lavorare, ed il conto arrivera' presto. Visto che gli italiani hanno 4000 miliardi da parte (escludendo l'immobiliare) e' presto spiegato perche' i ristoranti e le palestre sono pieni. Ma il risparmio scende ed 1 giovane su 3 non lavora e non studia.

      Elimina
    2. E' vero che è meglio acchiappare il reddito di cittadinanza invece di lavorare per 4 soldi. Ma è anche vero che dopo la fantapandemia, tra smartworking e arresti domiciliari, sopratutto gli over 30 con famiglia, hanno avuto un risveglio spirituale,ossia prima viene la qualità della vita i valori della famiglia e poi il lavoro. Nel bresciano le industrie metalmeccaniche non riescono più a trovare dipendenti (e tanti si son licenziati) perchè pur offrendo il contratto nazionale di lavoro, non vogliono più lavorare con turni notturni o festivi,preferendo stare con la famiglia. Così mi è stato detto da imprenditori di BS.

      Elimina
    3. Io non lavorerei mai con le condizioni del contratto nazionale di categoria. E non lo ho mai fatto, neanche prima della pandemia. In pochi si rendono conto credo che per essere giusti i salari italiani dovrebbero aumentare tutti almeno del 50%.

      Elimina
  7. Come ho già scritto,ma dopo siamo bravi tutti ,avrei dovuto quantomeno alleggerire la posizione Treasuries a Dicembre.
    Attualmente rappresentano il 25% di quello che ho ,a parte un mini short sul petrolio il resto cash.
    Grazie al dollaro la perdita é "solo "ca.del 12% e sarei tentata di incrementare,cosa fareste?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sembri già preoccupata così, vuoi incrementare le tue ansie?

      Elimina
    2. Sui treasury sono sotto del 8,5%, pensavo anch'io di incrementare ma ho cambiato idea. Per me va bene così, stiamo a vedere come si evolve la situazione.
      Ho incrementato un po' l'etf sull'oro dopo uno storno.

      Ciao Max

      Elimina
    3. https://www.tradingview.com/x/pEMD82LS/

      Io ho incrementato un altro po', ma purtroppo non ho più molte cartucce da sparare. La linea blu del grafico è una media mobile cumulativa di lungo termine che funge anche da forte livello di supporto. Il momento migliore per investire è quando i prezzi scendono a toccarla perchè, di solito, si verifica un'inversione di tendenza.

      Elimina
    4. Hai ragione difatti pur potendolo fare non incremento,sono già abbastanza incastrata così.
      Vorrei però che mi spiegassi come sostieni che i Treasuries hanno reso più dell'azionario negli ultimi anni.
      Li ho accumulati da tre anni e mezzo prezzo max 120 min 94 e a parte le cedole se dovessi venderli avrei una perdita del 10/11%
      L'azionario ha reso molto di più.
      Cortesemente non rispondere "allora compra azioni"...

      Elimina
    5. Il discorso sul rendimento dei treasuries non parte dagli ultimi 3 anni ma dall'inizio del bull market obbligazionario, negli anni 80'.

      Invece da quando è partita la bolla delle bolle, dopo il crollo del 2008, niente ha reso più dell'azionario (americano). Il problema è il rischio: mentre con i treasuries il rischio è praticamente nullo, quando sei nel mezzo di una bolla non puoi mai sapere come va a finire. Vedi cripto questi giorni...

      Personalmente sono anni che ritengo che l'azionario sia troppo rischioso. Sono sicuramente stato pessimista, perché mi aspetto un crollo da almeno tre anni, ma allo stesso tempo ho il sentore che stavolta la discesa sarà in gap stile anni '80 come velocità e stile '29 come profondità. Questo significa che nessuno stop o mirabolante giravolta ti potrà salvare (anche se troveremo milioni di traders che diranno orgogliosi sui forum che loro sono usciti un minuto prima del casino).

      Con queste premesse, la strategia che propongo dal 2018 sono treasuries, dollari, oro e argento. Siccome ricevo puntualmente commenti sgradevoli sul fatto che "si poteva fare di più", ho anche aggiunto che chi non vuole stare fuori dall'azionario poteva mettere su un portafoglio tipo All Weather di Ray Dalio per gestire meglio il rischio, o fare ciò che preferivano.

      Certo è che, come sempre accade, "Chi Sa" ci sta fottendo comunque con una inflazione da offerta creata ad arte con pandemia e guerra. A quello c'è poco rimedio: si può solo entrare nella bolla attuale sulle materie prime, sperando di non finire come con Terra-Luna.

      La strategia per me finisce con il decenale americano a zero. A quel punto si aspetta per rientrare nell'azionario che dovrebbe iniziare un nuovo bull market centenario. Mentre aspetto, invece di flagellarmi ogni giorno con mercati irrazionali nel breve e nel medio periodo, mi sto preparando per: 1)reinvestire, in maggioranza sullo STAR, pescando in quell'indice la ciccia migliore che rimarrà in piedi dopo lo tsunami 2) diventare autosufficiente, perché ho l'impressione che la giostra pandemica riprenderà il prossimo inverno. Ricordo infatti a tutti che il GP è prorogato fino al giugno 2023...per ora.

      Elimina
    6. Ora il decennale USA é a 2,9% ,tu ti aspetti (e speri ed io con te) di vederlo a 0?

      Elimina
    7. Si, mi aspetto quello, per quello deve succedere in base alla macroeconomia. Se poi oramai possono truccare le carte fino a questo punto non lo so. Ma per questo motivo ho altro (e non solo io a leggere chi scrive nel blog) "investito" in autosufficienza o altri settori. La vera diversificazione per me non è comprare un ETF su un indice, ma mettere soldi su settori totalmente differenti (es. un immobile, una riduzione dei costi fissi, un terreno, azioni, obbligazioni, fondi di private equity, opere d'arte, oggetti da collezione, anche liquidita' se sei in un periodo di deflazione).

      Ciò dove metti più risorse dipende dal rischio/beneficio, ed entrambi, in particolare il rischio, e' funzione non solo della natura dello strumento finanziario, ma anche del momento in cui si trova.

      Elimina
    8. Rita, se posso darti un consiglio, dal basso della mia ignoranza :):

      Investire ha molto a che fare anche con la finanza comportamentale e la capacità di tollerare la volatilità.
      Strategie che prevedono una scommessa, per quanto valida e probabile, come quella che adotta Ivano in questa fase, necessitano di tanta pazienza e capacità di sopportare perdite. Anche elevate.
      "Il mercato azionario è progettato per trasferire denaro alle persone pazienti” (cit.) dice Warren Buffett.

      Nonché la possibilità che certe "scommesse" non siano corrette. Probabilità elevata, non è certezza.
      "Se poi oramai possono truccare le carte fino a questo punto non lo so" dice Ivano

      Al contrario, come anche suggerisce Ivano, esistono dei portfoli, che, a fronte di rendimenti minori, ma comunque storicamente apprezzabili, sono ingegnerizzati per dare minore volatilità ed evitare assunzioni su cosa il mercato farà. All Weather è un esempio.
      Io da novizio, l'ho adottato almeno per la porzione più elevata del mio portfolio. Lascio alla parte speculativa una percentuale molto bassa, magari in asset molto volatili, ma teoricamente molto profittevoli, come le crypto. Se mi va male, è comunque una porzione di denaro a cui posso rinunciare.
      Visto che dai tuoi commenti sembra trapelare una certa insicurezza su come stai operando, il consiglio è: valutalo questo approccio

      Ciao
      Paolo

      Elimina
    9. Grazie Paolo,so benissimo che nessuno può sapere cosa accadrà domani,però sostenere che non é andata come ipotizzato perché é tutto manipolato mi pare cercare una giustificazione anziché ammettere la cantonata.Poi magari tra un anno brinderemo al 30 anni a 130.

      Elimina
    10. Intanto puoi brindare al dollaro a 1,05 - oppure anche quello abbiamo sbagliato?

      Elimina
    11. I bond sovrani US sono una occasione ora. Estremo ipervenduto sui bonds governativi. Non vanno esclusi colpi di coda. Da adesso in poi Bond, Bund e AA+ non hanno più il downside risk di prima. In questa settimana si è ristabilità la correlazione negativa tassi/equity segno che il mercato prezza un cambiamento nel trend tassi.

      Elimina
  8. Comunicazione di servizio. Qualcuno conosce un servizio/sito dove possano inviarmi un avviso quando una qualsiasi azienda pubblica la trimestrale? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Ivano. Vai su investing.com - Tools - Earnings Calendar e da lì puoi filtrare gli earnings: ieri, oggi, domani, questa settimana , la prossima settimana. Andando su Filtri puoi selezionare solo i paesi che ti interessano.

      Se poi vai sul simbolo della campanella in alto, nella sezione Earnings Alert, puoi crearti un Avviso solo per le aziende che ti interessano.

      Elimina
    2. Grazie Fabio. Purtroppo l'alert funziona solo per gli USA pero' il filtro normale e' gia' utilissimo.

      Elimina
  9. Sto cercando un ETN short sul Nasdaq anche a leva quotato a N.Y.
    Ho trovato questo IE00BLRPRJ20 ma é quotato a Milano e quindi è fermo a mercato USA aperto e quindi non difendile con SL.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace Rita, ma gli etf domiciliati negli USA non sono disponibili per l'acquisto da parte di investitori europei perchè privi dei documenti informativi (KID) conformi al PRIIPs, entrato in vigore assieme alle regole MiFID II agli inizi del 2018.

      Elimina
    2. Grazie Fabio Andrea,come sempre gentile.
      Volendo shortare il Nasdaq tu cosa suggerisci?

      Elimina
    3. Se vuoi shortare il Nasdaq lo strumento più efficiente è il future E-mini sul Nasdaq100. L'unico svantaggio di questo strumento è che molti broker non permettono ai loro utenti di vendere allo scoperto. Altri broker invece richiedono di attivare la funzione dopo aver superato un breve questionario. Gli ETN short sono invece facilmente acquistabili da qualunque investitore sul mercato, senza richiesta di margini. Gli ETN short a leva hanno però il grosso difetto dell'effetto compounding, che tende a far divergere i rendimenti dell'indice da quelli dell'ETN a leva. Questo problema diventa tanto più grande con l'aumentare della leva, del tempo di detenzione dello strumento e della volatilità dell'indice sottostante.

      Elimina

ATTENZIONE: Postando un commento accetti la privacy policy di questo sito, redatta in adempimento dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dell’art.13 del Regolamento UE n. 2016/679. La privacy policy è visibile da tutte le pagine del blog mediante link nel menù principale in alto a destra.