lunedì 1 gennaio 2018

Aggiornamento FTSE MIB al 27 dicembre 2017 e Buon Anno!

Buon 2018! Come previsto a Milano non è successo nulla. Volumi da fame hanno accompagnato i giorni tra Natale e Capodanno.

Mentre tutto sonnecchiava, l'unica cosa che sembrava in fermento erano le criptovalute. E mica erano solo aperti gli exchanges, continuavano ad avere oscillazioni assurde!

Queste criptovalute non si fermano mai: sabato, domenica, Natale, Capodanno... C'è da uscirne pazzi. Sarò "antiquato", sarò ripetitivo, ma a me questi nuovi strumenti finanziari mi sembrano quanto di più speculativo e "lavorativo" esista. Ti impegnano h24! Se non dovessero liberare il mondo dal Sistema potrei pensare che le abbiano messe in piedi proprio quelli che teoricamente dovrebbero venirne distrutti. Alla Storia la sentenza finale.

Ho fatto i conti anche quest'anno, ed ho risparmiato rispetto al 2016 circa 150€ al mese. Attenzione però: nel 2017 ho avuto 200€ al mese di spese legate al mio infortunio (perché la Sanità italiana è pubblica e gratuita...). Tolti gli imprevisti quindi, ho ridotto le mie spese del 18%. Se calcolate che alcune sono fisse (tipo affitto), credo di aver ottenuto un ottimo risultato, soprattutto perché non mi sono privato di nulla. Anzi, ho mangiato ancora meglio...

Resta un fatto però: questo paese è ormai un pozzo senza fondo. Solo andando a vivere in mezzo ai boschi si possono abbattere le spese significativamente.

Da oggi partono gli aumenti: +5% su luce e gas, più 2,5% sulle autostrade. Io non so di quanto è aumentato un metro cubo di gas al consumo negli ultimi 5 anni, ma so che il prezzo di borsa...


...è rimasto sostanzialmente invariato. Pure le autostrade mi sembrano sempre le stesse...

Vero che le materie prime stano aumentando, ma il grosso viene dal prezzo del petrolio che è raddoppiato negli ultimi due anni.


Ma allora sono aumentati i costi del personale! Seeeeeee, daje a ride...

Insomma, gli aumenti vanno a coprire le solite esigenze: quelle degli azionisti che vogliono il dividendo.

Dopo essere stati approvati in gazzetta ufficiale, il governo ha fatto slittare gli aumenti dell'IVA al 2019. Arriveranno insieme all'aumento da 1,5€ a 2€ della metro milanese dunque, e al tapering (vero stavolta) del successore (tedesco) di Draghi. E chissà a che altro.

E che dire del fatto che dal 1° ottobre 2018 anche i mezzi diesel euro 3 non possono praticamente più circolare in lombardia, con la solita scusa dei limiti delle polveri sottili (che puntualmente si alzano quando vengono accesi i riscaldamenti, mentre si circola uguale ogni mese dell'anno)?

Fatevi anche l'auto nuova, altre spese, in fondo, basta poco che ce vo'?


Nessun commento:

Posta un commento