domenica 28 gennaio 2018

Aggiornamento FTSE MIB al 26 gennaio 2018

Quando inizi a capire davvero la Borsa...

...essa diventa improvvisamente qualcosa di molto distinto da ciò che avevi immaginato.

Lo scalping, l'esercito di monitor e PC, la finestra con le breaking news finanziare che muovono i mercati che lampeggia da un lato, non servono più, oppure servono in maniera molto ridotta. A volte sono addirittura controproducenti.

Molti, che sognavano di vivere e fare trading da una spiaggia, capiscono invece che il rischio di finire a fare il trader è lo stesso dei drogati da lavoro.

"e se non trado, che faccio tutto il giorno?"

Credo che spesso sia questo che attira molti traders davanti ad uno schermo per più tempo del necessario.

Esattamente come i drogati con la dose.
Esattamente come i ventenni di oggi con gli smartphone.
Esattamente come ogni tipo di comportamento che ha a che fare con una dipendenza.

Mentre si apprende come fare i soldi in borsa, buona parte del tempo andrebbe spesa per imparare sempre di più come siamo dentro e cosa davvero vogliamo (gnōthi seautón). Capire cosa ci piace davvero fare nella vita. Molti trader infatti non vogliono davvero fare i trader, e questo li distrugge col tempo.

E se non vuoi essere un trader di mestiere, l'unico modo per reggere lo stress borsistico, fatto di attese, perdite, vincite, delusione, euforia e tanta pazienza, è proprio quello di comprendere l'ovvio.

I mercati finanziari sono un posto dove il denaro genera o distrugge altro denaro
Niente di più, niente di meno, e come tali vanno compresi e trattati.

Come le prostitute (pardon, escort!) servono solo a darti un po' di piacere, ma non amore.

Se non impari questa semplice e fondamentale regola, rischi di diventare come l'uomo o la donna che siede in un ufficio e si lamenta perché passa la vita in un ufficio...

La differenza è che a quello/a lo stipendio a fine mese arriva (quasi) sicuramente.

Piccola digressione per dire che da novembre 2016, non è cambiato ancora nulla. Serviva smazzarsi per prendere i ribassi incontrati nel cammino? Il gioco secondo me non valeva la candela, anche da un punto di vista del rischio/beneficio, non solo della mia proverbiale pigrizia.

C'è una bussola che mostro poco perché non da segnali, ma solo conferme. Vedete le due linee nera e rossa, che rappresentano volumi e prezzi, nel "collage" sotto? Perfettamente allineate. Il soldi vanno in acquisti dunque ed il mercato è rialzista.

Notate in particolare nella parte destra, che rappresenta il dopo-bazooka-Draghi, come il mercato si ri-allinea al rialzo.

I volumi sono tutto, i prezzi sono solo riflessi, come quelli delle luci elettriche che spesso attirano gli insetti, e li "friggono". So che molti seguaci della Price Action non sono assolutamente d'accordo, ma che vi devo dire? Ognuno professa ciò in cui crede, e gli altri decidono chi ha ragione.

L'EUR/CAD ha sfiorato l'obiettivo che ho in testa, quota 1,5477 per la precisione. Ricordo che andava comprato a 1,48 circa quindi l'ETF si è mangiato quasi tutto il guadagno in meno di un anno. Con i CFD non va meglio: bisognerebbe pagare gli interessi per tenere la posizione aperta.

Rinnovo l'invito: qualcuno mi aiuti a trovare uno strumento meno penalizzante e questo sistema diventerà una bomba. E' ovvio che chi ha risorse per usare i segnali sull'obbligazionario può giovarne molto, portandosi a casa cedole e incremento dovuto al cambio (e forse anche aumento del valore in caso di discesa dei tassi). Ma non credo che un sistema simile possa partire con 5000€ di capitale.

Il dollaro continua a svalutarsi, ed io continuo a leggere di guru finanziari ed economisti quotati che non capiscono quello che ha detta loro è "assurdo" e "senza senso".

Ma allora il sottoscritto e (pochi) altri come facciamo ad averlo previsto da mesi? La realtà è che il mondo finanziario si è imbibito di teorie finanziarie fantasiose, ed ha dimenticato i fondamentali.

Le persone credono che le Banche Centrali possano tutto, che abbiano un potere assoluto, ma anche la logica non supporta una tale teoria. Certo possono influenzare l'economia, guidarla. I vari QE hanno avuto un effetto visibile, ma temporaneo e peggiorativo. I nodi dell'economia arrivano sempre al pettine della Storia. Stampare denaro, aggiustare tassi, funziona se si accompagna una economia sana, non un morto vivente. Perché rimangono le dinamiche economiche il vero Caronte della situazione: sono loro che pagaiano.

Capito perché la FED aumenta i tassi e la BCE li lascia invariati ma l'euro si rafforza? Se la germania ha un surplus commerciale bestiale (fatto sulle nostre spalle), come può, nella grazia di materie come la matematica, l'euro svalutarsi?

Cosa può la FED o la BCE, contro la vita delle persone in due continenti? Ecco perché le crisi sociali indotte ad arte agiscono molto bene sulla svalutazione dell'euro. Meglio delle banche centrali sicuramente.

Gaia se ne sbatte i ciufoli dell'umanità, figuriamoci di Draghi o della Yellen. Qualcuno che mi segue davvero (cioè che cerca davvero di capire cosa dico) ricorderà questo vecchio post dove già dicevo che in realtà la FED non faceva altro che prendere atto di dove andavano i mercati finanziari da soli, alzando ed abbassando i tassi.

Cazzo che lavoro meraviglioso fare il presidente della FED! Apri il WSJ e vedi i tassi obbligazionari, fai qualche media e poi vai in conferenza stampa a dire che li alzi, li abbassi o li lasci come stanno (dopo qualche mese che è già successo tutto). Fare la schedina ogni domenica è più difficile.

Nulla è cambiato, e nulla cambierà. Spostano in là il problema, nascondono lo sporco sotto il tappeto, ma alla fine vengono ridicolizzati da cose più grandi di loro.

Solo la comprensione di queste dinamiche vi fa capire dove tira il vento. Non necessariamente vi fa guadagnare soldi, perché c'è bisogno di imparare altre cose per operare in borsa, ma per parafrasare uno famoso:

"La macroeconomia vi rende liberi"

Per finire piccolo appunto tecnico: mi sembra che la ruota stia girando e il dollaro tornerà a rafforzarsi, ma per il momento ad un eventuale segnale mancano almeno tre mesi. Ciò non significa che non potrebbe tornare a scendere prima.


2 commenti:

  1. Una domanda...non ti sembra che per i piccoli sia diventato sempre più difficile guadagnare in borsa? Tra commissioni, mantenimento delle posizioni, spike mangia stop loss,BOT e macchinette ad alta frequenza ecc.mi sembra che l'asticella si sia alzata di parecchio e che ormai l'attività di trader sia riservata solo a chi disponga di capitali importanti per essere profittevole.
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre stato così. Anche in banca, se entri con un milione sul conto o con 100.000€ oggi (come ieri) i prodotti che ti offrono sono molto diversi. Il problema è che oggi il lavoro non ti permette più di vivere, il patto sociale tra capitalismo e lavoro è stato rotto.

      Il trading online ha aumentato la volatilità, infatti stop loss stretti sono improponibili (io uso solo quelli di emergenza, da cigno nero insomma). In compenso oggi si trovano in rete molte informazioni (come i bilanci) che prima erano introvabili e rivolte solo a professionisti (i famosi "borsini").

      I pezzi grossi comunque non hanno mai usato stop loss: sanno perfettamente come va il mercato e se vedono che cambia il vento cambiano semplicemente direzione.

      Faremo come sempre fa l'uomo - di adatta o soccombe.

      Sui BOT e le macchinette secondo me c'è un discorso economico da fare. Secondo me non sono un grosso problema. Con calma esporrò perché la penso così. Ciao.

      Elimina