domenica 21 giugno 2015

Aggiornamento FTSE MIB al 19 giugno 2015

La situazione greca continua a creare uno stato di instabilità e volatilità su Milano.

Il vero problema è lo spread, a causa della nota regola che recita che se lo spread non cala, la borsa non può salire (la linea blu rappresenta l'INVERSO dello spread).

Qualcuno sa dirmi perchè?

La Grecia è tecnicamente fallita da almeno tre anni, quindi io non vedo nessuna differenza a livello fondamentale rispetto a prima. Continuo sempre di più a pensare che questa tragedia Greca sia servita tanto a chi voleva comprare titoli con lo sconto, tanto alla BCE che ha visto i titoli di stato dei paesi periferici perdere valore (causa aumento del tasso di interesse) e quindi a rendere ancora più incisivo il QE (con gli stessi soldi possono comprare più titoli di stato).

Inoltre in paesi come il nostro non se ne parla lontanamente di uscire dall'euro, quindi non vedo come se la Grecia uscisse questo potrebbe causare della instabilità. Certo non sarebbe un buon segno, ma lo sanno tutti che l'euro è una moneta "sola" che fa comodo solo ai tedeschi, quindi della Grecia onestamente se ne sbattono tutti quelli che di borsa campano e di economia capiscono. Staremo a vedere: una Grecia fuori dall'euro per me è l'equivalente di un cigno nero ma il mio pensiero va a loro, sperando che escano da questo club di strozzini al più presto.

Io mi inizierei a preoccupare se l'indice rompesse la linea rossa della prima figura, ma al momento mi sembra che l'accumulazione sia finita e mi aspetto sempre una decisa ripartenza.

Me lo dice anche Bussola che sembra aver decisamente svoltato al rialzo dopo aver perso per un pò la rotta.
L'unico indicatore che mi dice il contrario è questo

che finora è stato molto preciso nell'evidenziare le varie svolte a medio-lungo termine. Non necessariamente la linea blu deve raggiungere il fondo segnando un minimo, potrebbe svoltare in qualsiasi momento come avvenne tra luglio 2012 e maggio 2014 e il mercato ripartirebbe al rialzo.

Saluti
Ivano


Link all'aggiornamento precedente

Nessun commento:

Posta un commento