venerdì 30 gennaio 2015

Elezioni in Grecia? E 'sti cazzi!

Spesso le notizie importanti vengono omesse o mal riportate dai media. Del resto, anche in moltissimi libri di testo le nozioni fondamentali non vengono messe in risalto, quasi per confondere lo studente, per creare un'aura di "grandiosità" intorno all'autore.

Ecco perchè oggi posto un grafico su cui riflettere proprio all'inizio, qui sopra, dove tutti possono sbatterci la faccia prima di leggere ogni altro mio commento. Mi interessa che capiate ciò che voglio dirvi più dell'opinione che potete farvi su di me. Sempre.

Si tratta dell'esposizione delle banche tedesche, francesi, svizzere e italiane al debito greco, gentilmente preso dal blog Goofynomics (sono sicuro che il Prof. Bagnai non se la prenderà).


Aperta parentesi
Vorrei che notaste innanzitutto come gli Svizzeri si siano tirati fuori dal casino del 2009 in un battibaleno. Ehhh si, ci sanno fare con i soldi non c'è che dire. E' dai tempi della seconda guerra mondiale che non si fanno scrupoli, e stavolta hanno inondato subito di titoli spazzatura il globo costringendo francesi e tedeschi a prendersela... "con calma", o tutta l'Eurozona sarebbe andata a gambe all'aria insieme ai loro crediti.
Chiusa parentesi
Le elezioni in Grecia
Se qualcuno si chiede ancora come mai l'effetto della vittoria di Syriza in Grecia non abbia mandato nel panico le borse Europee, significa che quel qualcuno non legge o lo fa con poca attenzione questo e altri blog, perchè non ha capito che la Borsa è un posto di numeri e denaro, non di fregnacce.

Con Draghi pronto a immettere 1200 miliardi in circolo quest'anno, scusate la franchezza, ma che cosa cazzo gliene frega a chi di Borsa si occupa, della Grecia?

Ma ancor di più, dove dovrebbe essere il rischio, ora che Germania & Co. si sono fatti ridare tutti i soldi dai Greci (vedi grafico all'inizio)? Che cosa avremmo da temere? Pure se la Grecia uscisse dall'euro, ci metterà un pò di tempo. Tempo sufficiente per far rientrare i tedeschi di quello che già stanno riprestando proprio ai Greci (e si, avete capito bene, RI-prestando, dopo tutto quello che è successo, RI-vedi il grafico sopra).

E la Merkel lo sa benissimo, infatti ha esclamato (e poi subito smentito): "Greece is no longer of a systemic importance". Tradotto dall'inglese, significa che i Greci possono anche andare a farsi fottere adesso, in base proprio alla famosa solidarietà Europea, che si esprime attraverso il famoso motto Europeo, la legge del menga:

"Chi l'ha preso nel cul se lo tenga ed impari ad usare il goldon!"

Ma è interessante sottolineare che a noi comuni mortali della Grecia dovrebbe importarci. Infatti alla stessa legge del menga saremo sottoposti in futuro, anche se non siamo esposti direttamente, perchè pagheremo attraverso le istituzioni europee, che sono le uniche rimaste esposte, e meccanismi tipo il MES, quello che ad esempio i Greci obiettivamente non possono ridarci (non hanno più neanche gli occhi per piangere...)

Leggi anche: uno sguardo al futuro

Infatti in Europa si paga "aha' romana", mentre i tedeschi si RI-indebitano e si prendono da soli i rendimenti sui titoli Greci che sono altissimi. Junk-bond garantiti da Pantalone. I nazisti erano dei pivelli a confronto con questi di oggi, che ti distruggono senza sparare neanche un mortaretto.

Ma c'è di più, questa gente secondo me già pensa a come sfruttare la situazione a proprio vantaggio. E' per questo che loro comandano e noi no, perchè questi invece di lamentarsi pensano sempre a come rigirare la frittata senza farla rompere.

E allora se la Grecia uscisse dall'euro, la chiuderebbero con ogni mezzo in se stessa per farla diventare un'economia da quarto mondo, così da poter dire a tutti: "Visto che succede se uscite dall'euro? Poi le cose vi vanno male, avete torto!" Se invece rimanesse dentro, tutto normale: "neanche Tsipras o chi è scontento dell'euro alla fine vuole lasciarlo!" Che geni!

La Grecia è sempre stata una scusa per alimentare speculazioni su mercati deboli dovute a fondamentali economici critici. Avete visto il grafico sopra? Quanto eravamo esposti? Ed allora perchè lo spread è salito così? Per la crisi in Grecia? 

MA PERFAVOREEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!

Della Grecia ce ne sbattevamo le palle ieri, ce ne sbatteremo oggi, e pure domani, soprattutto se Draghi sgancia la grana (scusate ma oggi sono più franco del solito).

Leggi anche: e tutte le balle vennero a galla...


Conclusione
Ricordo che i fatti parlano chiaro, e dicono che i paesi del Sud dell'Europa hanno un solo ruolo nello scacchiere europeo: evitare una eccessiva forza dell'euro grazie ai loro fondamentali più deboli, per permettere ai paesi del Nord di esportare a prezzi competitivi, mantenendo allo stesso tempo inalterato il valore dall'euro riducendo l'inflazione. Il resto sono stronzate per chi ancora gioca coi Mini-Pony.

Che ci stiamo a fare con questi loschi figuri ed a queste condizioni, questo si che è davvero un gran mistero....


Auf Wiedersehen (oggi il saluto alla tedesca ci sta tutto...)
αντίο (pure quello alla greca direi...)

Ivano

3 commenti:

  1. Non la farei così semplice Ivano. Non si era sempre detto (da parte dei tg di mezzo mondo) che l'euro è irreversibile? Che è assolutamente impossibile uscire dall'euro?
    Ecco ,al di là dei limitati numeri in gioco, se la Grecia sfancula l'UE crea innanzitutto un pericoloso precedente per cui a qualcun altro meno marginale in futuro potrebbe venir voglia di fare altrettanto! (ad esempio Podemos in Spagna perchè in Italia siamo in piena sindrome da rana bollita).

    E poi.. le scacchiere internazionali comincerebbero a modificarsi! Putin ha già offerto la sua disponibilità anche economica verso i greci e Tsipras ha già detto che non vuole saperne di altre sanzioni alla Russia .(al contrario di noi europei senza spina dorsale che per far contento Obama con le sanzioni alla Russia ci stiamo sparando nelle palle..) La Russia potrebbe avere finalmente uno sbocco nel mediterraneo e portare attraverso la Grecia gas e petrolio, soprattutto dopo la cancellazione di South Stream...
    Insomma se è vero che il PIL ridotto della Grecia lascia indifferenti le borse, il comportamento politico dei Greci potrebbe portare a grossi cambiamenti in futuro , decisivi anche per noi...
    Per quel che mi riguarda...Forza popolo greco! ;)
    Attilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Attilio e grazie per il commento,

      se vogliamo discutere sul piano politico quello che potrebbe succedere nessun problema. Ma tutte le implicazioni economiche catastrofiste con le quali i media ci hanno rimbambito rientrano nella sfera delle chiacchiere.

      Il punto dell'articolo non è se si può o no uscire dall'euro. Chiaramente i media spingevano per far vedere che fosse una prigione, ma hai fatto caso che ora sono molto più rilassati? Ora che le banche sono rientrate non c'è più motivo di far rimanere la Grecia nel circuito. E se se ne andassero altri paesi? A me non sembra che ci sia nessun rischio concreto al momento, i pro-euro sono sempre la maggioranza. E comunque basta che paghino il conto prima di andarsene!

      Lo scacchiere è già cambiato. La Russia stringe accordi coi cinesi da almeno tre anni, perchè è un paese debolissimo e lo sa. Dipende dall'energia così tanto che un calo delle materie prime lo distrugge. Che ci fanno col gasdotto se non gli conviene venderlo perchè costa troppo poco?

      Io credo che alla fine tutti questi presunti cambiamenti servono perchè "bisogna che tutto cambi affinchè tutto rimanga uguale"

      Comunque, anche io sto coi Greci e spero che si liberino ;-)

      Elimina
  2. Tanto per aggiungere e fare ancora più chiarezza su chi ce l'ha nel popò adesso...

    http://www.infodata.ilsole24ore.com/2015/02/18/lesposizione-di-banche-e-stati-europei-verso-la-grecia/

    RispondiElimina