venerdì 12 settembre 2014

Il Tredicesimo Anniversario dell'11 Settembre

Visto che nessuno commemora gli anniversari strani ma solo quelli di 5-10-20 etc. anni, ho deciso di spendere due parole io quest'anno sulla strage iniziata l'11 settembre e perpetrata fino ai nostri giorni. 
 
Si perche' mica c'e' da commemorare solo i circa 3000 morti di New York - ci sono anche tutti i morti "collaterali" di anni di guerre derivate da quell'evento in Afganistan, Iraq, Siria e Libano e via discorrendo.
 
Oppure pensate che quelli siano morti di serie B? In questo caso perfavore, andate a leggere il blog di qualcun altro, questo non fa per voi.

Dicevo, mi va di parlarne perche' e' l'occasione giusta per uno dei miei "pensieri in liberta'", uno di quelli in cui penso spesso male e quindi commetto peccato.
 
Premetto che io sono fermamente convinto che la versione ufficiale dell'attentato alle torri gemelle faccia acqua da tutte le parti, ma come sono solito fare cerco sempre una conferma "economica" ad una tesi per convincermi del tutto.

Il fatto che mi sia convinto io chiaramente, non significa che riusciro' a convincere altri, anche perche' queste sono tesi supportate da prove che altri potrebbero trovare non conclusive.
 
Ed allora parliamo di forex, il mercato delle valute.
 
 
Tanto va la gatta al lardo che ci lascia il dollarino...
Ecco lo storico USD/EUR dal 1999 ad oggi
 
 
Non notate niente?
 
Sforzatevi proprio nulla di particolare? Provate  a pensare prima di andare piu' giu'.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Non avete capito? Nessun problema, vi ci metto qualche sigletta.
 
 
Bravi, adesso la vedete l'inversione vero? Precisamente, una fase di accumulazione (di euro).
 
Guardate poi, in quel periodo li, alla BCE hanno passato tutto il tempo in tipografia, a stampare euro a piu' non posso.
 
Con tutti quei soldi in circolazione, l'euro doveva deprezzarsi ancora ed invece ha iniziato una fase laterale, rimanendo in un certo range (quello dell'inversione per l'appunto).
 
Significa che l'offerta di euro veniva ben assorbita (magari da chi aveva dollari?)
 
Il contrario di quello che accadde sul massimo del cambio, dove alla BCE sono andati in vacanza.
Magari per ridurre l'offerta cosi' chi aveva tanti euro poteva rimetterli sul mercato? E io che ne so'? Io penso solo male ragazzi, magari sono coincidenze e basta!
 
Ma di quanti soldi parliamo.
 
Wikipedia scrive che sul forex si scambiano circa 4000 miliardi di dollari AL GIORNO!!! Per fare paragoni, su Milano il record storico di scambi e' di circa 15 miliardi di euro in un giorno.
 
Quasi tutti dollari ed euro
 
 
 
E chi li scambia principalmente?
 
Alcuni di quelli dell'articolo dei ricercatori di Zurigo di cui ho scritto alcuni giorni fa'...
 
 
E che ch'azzecca l'11 Settembre?
 
Ma ragazzi non vedete che spunta fuori dopo il Secondary Test? Qui qualcuno puntava forte, e voleva essere sicuro che il giochino funzionasse. Insomma col panico tutti dovevano iniziare a vendersi dollari, aiutati anche dal Patriot Act che nella sua parte "economica" rendeva di fatto il greenback meno appetibile.

Per comprare che? Ma euro ovviamente!  Con una BCE che come mandato aveva il controllo dell'inflazione, quale miglior valuta per mantenere il valore del proprio capitale?

Da li a poco parte il rialzo infatti, dopo LPS (in piu' la relativa stabilita' nei mesi seguenti del cambio indicava che non c'erano piu' in giro pericolosi rompipalle che potrevano comprare dollari vanificando tutti gli sforzi...)
 
 
Conclusioni
Di quanti soldi parliamo?
 
Boh! Diciamo che circa il 70% di tanti soldi (passiamo da circa 0,9 a 1,5) sono... tantissimi soldi, soprattutto se consideriamo che nel forex e' tutto in leva (leva media 1:100)
 
E qui concludo dunque questi pensieri da maniaco dei numeri. Sono insomma un po' come il personaggio di "A beautiful mind", che vede nei numeri continui complotti dei governi.
 
Quindi abbiamo entrambi torto (siamo due pazzoidi) ma a differenza di lui io non sono neanche un genio ne tantomeno una mente brillante :-(
 
Saluti
Ivano

Nessun commento:

Posta un commento