giovedì 29 maggio 2014

Come nella Seconda Guerra Mondiale

I risultati delle ultime elezioni hanno sancito una netta vittoria del PD, mentre il M5S, l’unico “partito” con un certo seguito che voleva ridiscutere i trattati europei, è stato sconfitto pesantemente. Da un lato sono molto sorpreso: i “sondaggi” della Borsa, che non sbagliano quasi mai, davano i due testa a testa.
Cosi rimangono due spiegazioni:

·         Brogli elettorali
·         La borsa si è sbagliata

Nonostante di solito propenderei per la prima, e sono molto sorpreso del risultato, ho paura che questa volta non ci sia nulla di strano. Ho paura che il mio desiderio di vedere una “rivolta” Italiana contro “l’invasore” tedesco non mi faccia essere obiettivo in questo momento, ed ammettere che invece il mio popolo si è probabilmente venduto come Giuda (per 80 denari invece di 30) oppure abbia avuto paura di perdere quei privilegi che detiene, come la pensione. Oppure Grillo con i suoi modi bruschi e diretti, ha semplicemente spaventato l'elettorato, che non riesce ancora ad andare oltre la parolacce per capire il vero messaggio .
Purtroppo per gli Italiani, le elemosine che posseggono ora non gli serviranno quando saremo costretti a tagliare tutto il tagliabile e dopo, come l’Argentina, sganciarci dall’euro. Si perché la matematica se ne sbatte della democrazia, e ci sta condannando ad un esito brutale, a diventare un paese del terzo mondo. Sganciarci ora significava salvarsi, sganciarci quando sarà troppo tardi significherà, inesorabilmente, la rovina. A meno che non mi sbagli e Renzi riesca ad ottenere quelle riforme a noi necessarie - ma se penso che è d'accordo col Fiscal Compact e non lo vuole annullare, le mie speranze sono poche.
Ed allora che dobbiamo fare? Scappiamo dall’Italia?
Io non so che consigliarvi onestamente. Sicuramente, ovunque siate in questa Europa, se vivete di finanza, siete ricchi o benestanti, non avete di che preoccuparvi. Il Sistema che stanno creando è fatto per quelli come Voi. Se vivete di lavoro invece, allora si che sono guai! Ironia della sorte, a questo destino ci ha condannato quel 40% di elettorato del PD, che dubito viva di pane e finanza ed al contrario abbia disperato bisogno di lavoro. Insomma, queste persone si sono auto-condannate alla miseria, autorizzando i loro governanti a portare avanti politiche come il Fiscal Compact ed il MES, e neanche lo sanno. Ed è forse questo l'aspetto peggiore della faccenda, il fatto che la maggioranza dei votanti abbia consapevolmente dato l'avvallo elettorale per premere il bottone dell'autodistruzione. Personalmente la mia visione è che bisogna imparare a vivere con pochi soldi, perché dipendere da essi condanna definitivamente alla schiavitù se poi improvvisamente ti vengono a mancare. Ma mai più che adesso chi ha un lavoro è meglio che si abitui a vivere con poco, perché ha buone probabilità di perderlo, o di vederlo diventare insostenibile, e quando meno se lo aspetta.
Come durante la Seconda Guerra Mondiale, chi ha capito che sta succedendo, è attaccato alla speranza che gli danno la Francia e l’Inghilterra, dove i partiti nazionalisti hanno vinto. Ci tocca, pensate un po’, sperare nei rinati fascismi come male minore a quello che sta succedendo. Chi fa parte della “Resistenza” in Italia, ha capito che internamente non ha nessun appoggio, e l’unica speranza viene da quell’asse Franco-Inglese che già ci liberò una volta, con l’aiuto degli Americani. Quegli stessi Americani, che anche oggi non vedono affatto bene un euro che permette alla Germania questo strapotere sull’Europa e che se chiamati in causa, sanno già con chi schierarsi. E anche stavolta, se e quando verremo liberati, saremo alla mercé dei liberatori, che piazzeranno le loro colonie sul nostro territorio e pretenderanno comunque un certo “risarcimento”.
Siamo insomma la solita “non-Nazione”, dove il detto “o Franza o Spagna purché se magna” e il famoso verso “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!” sono ancora dannatamente attuali. Ci siamo di nuovo svenduti la sovraneità (soprattutto monetaria) per un tozzo di pane ed a causa della nostra ignoranza. Ma in fondo, se siamo una “non-Nazione” di che sovraneità parliamo? I tedeschi invece, rimangono quelli di sempre: ossessionati dalla conquista dell’Europa e testardi, non sapendo mai quando la corda è troppo tesa e dovrebberò finire di tirarla, cosa che li conduce inesorabilmente alla rovina.
Siamo ormai anche nelle menti conquistati dagli invasori, e chi ancora non lo è e vorrà ribellarsi, dovrà imparare a farlo con le moderne armi: gli strumenti finanziari. Io penso che quando sarà il momento, gli Alleati chiameranno per dare l'assalto alla borsa di Francoforte, con forse il più grande attacco speculativo della storia. Quei giorni lì, Voi cosa farete?

4 commenti:

  1. Sono d'accordo, su tutto. . ...Un valore di 5000 punti per il Dax potrebbero bastare.???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa intendi per 5000 puti di Dax esattamente?

      Elimina
    2. Siamo quasi a 10000 punti sul DAX ? Si, ..ecco spero gli facciano perdere 5000 punti. :) :)

      Elimina
    3. Non ne ho davvero idea. Comunque ricordiamoci che al momento il dax ha chiuso un triangolo di accumulazione durato ben 15 anni rompendo quota 8000. Ciò significa un probabile target a 13000 punti. Vedremo gli sviluppi europei ma a lungo termine il DAX è ancora long secondo me.

      Elimina