venerdì 14 agosto 2015

Aggiornamento Bussola dell'Imprenditore agosto 2015

Riprendiamo una vecchia conoscenza, la bussola dell'imprenditore.
Cosa ci dice? Che le manovre attuate finora sembrano non aver fatto molto per aiutare la risalita della produzione industriale. Ormai il mondo occidentale sta abbandonando lentamente la produzione per dedicarsi ai servizi (finanziari in primis), ed il risultato si vede.

Ma ci sono paesi e paesi.

Alcuni più scaltri hanno difeso meglio la loro capacità produttiva, tipo Germania e Svizzera, specializzandosi in settori industriali di alto valore aggiunto (quasi tutta la farmaceutica è in Svizzera, mentre molta ingegneria si trova in Germania).

Altri che pensavano di essere furbi hanno preso la via del terziario, come l'Italia. In fondo anche chi consuma vuole più servizi e meno beni, ed è giusto che sia così (meno desideri materiali e più desideri atti ad alzare la qualità della vita).

Però buttarsi nel turismo o cose simili gettando a mare il tessuto industriale è una gran cazzata. Non a caso, storicamente, i paesi più ricchi sono sempre stati quelli con una industria florida, che crea prodotti ad alto valore aggiunto. L'overhead sopra una pillola per la pressione o su un orologio di alta precisione è inconfrontabile con quello di un museo o un bar su una spiaggia.

L'Inghilterra è diventata potenza mondiale quando commerciava e dava il via alla rivoluzione industriale. Gli Stati Uniti e il Giappone sono diventati floridi con la loro industria High Tech. E di recente la Cina, ma anche la Germania, con il loro export, che nel caso di quest'ultima vola ogni mese, aiutato dall'euro (l'ho spiegato più volte, ad esempio qui).

Sapete chi sono i paesi che si specializzano in servizi? Le colonie.

Quelle devono solo produrre materia prima e/o divertimenti per i veri padroni.

Incominciamo a imparare il tedesco. Frasi più utili?

"Si padrone". "Certo padrone". "Lo farò padrone". "Cosa desiderà mio padrone?"

Buon Ferragosto a Tutti!
Ivano

Nessun commento:

Posta un commento