giovedì 6 settembre 2018

Piano B

Oggi posso finalmente (per chi fosse interessato) rivelare il famoso piano B che ho messo in moto tempo fa, per motivi prettamente personali e familiari.

Anche se per il momento il dominio rimarrà lo stesso, da ottobre Borsole diventerà... Borsoles!

Me ne vado in Spagna, per la precisione a Valencia, città in cui ho già lavorato e che conosco abbastanza bene.

La mia compagna, che non è italiana, dopo due anni mi ha detto chiaramente che non avrebbe resistito un altro anno nel Belpaese.

Così mi ha proposto di tornare a Siviglia, dove ha vissuto per ben otto anni (N.B. non è spagnola, è che tra i due paesi ritiene che non ci sia confronto per qualità della vita).

Tra Siviglia dove viveva prima, e l'Italia dove ero finalmente riuscito a tornare, abbiamo trovato un compromesso con Valencia. Meno caotica di Barcellona, ma collegata molto bene con l'Italia e con l'Europa in generale.

"L'Italia è un paese bellissimo ma... è troppo difficile e costoso vivere qui". "Sono rimasta molto delusa: mi aspettavo La Dolce Vita descritta da tutti, invece qualsiasi cosa vuoi fare di normale, come muoverti su un mezzo pubblico o in auto, chiedere informazioni in un ufficio pubblico, pagare le tasse, fare una visita medica, trovare un lavoro con un salario commisurato al costo della vita, è un'impresa titanica". "Inoltre vorrei stare in un posto con un po' di vita, ma vivere in una città qui è un privilegio per persone ricche".

Ce l'ho messa tutta per controbattere alle sue esternazioni ma alla fine... Potevo darle sempre torto? Purtroppo sembra la fotografia esatta del nostro paese oggi, soprattutto agli occhi di chi viene da fuori, ed è abituato ad altre esperienze e stili di vita.

Bello e impossibile, parafrasando la Gianna nazionale.

Tolto clima, bellezze naturali e culturali, cibo... rimane la difficoltà della vita di tutti i giorni. Quindi se le prime tre cose compensano tutte le altre, si rimane, altrimenti si fanno le valigie, come è successo già a molti connazionali negli ultimi anni. Ovviamente se si è italiani il discorso è diverso. L'Italia è sempre la casa di un italiano, ed a certi sistemi siamo abituati. Quindi lasciarla o viverci è una scelta che differisce molto tra autoctoni e stranieri.

Non a caso, molte persone indigene che conosciamo trovano i suoi commenti esagerati. Io posso solo cercare di spiegare (a loro e a chi mi legge) il più obiettivamente possibile perché uno straniero possa trovare il nostro paese complicato al punto tale di volersene andare nonostante la sua bellezza (torno ora da Verona... che ve lo dico a fare? Stupenda, e non è certo la "prima scelta" turistica. Ma un biglietto dell'autobus per fare 4km costa 2€...)

Oltre la mia esperienza diretta (ho lavorato in Grecia, Spagna, Irlanda, Germania e Svizzera), dove effettivamente ho riscontrato un modo di vivere più ordinato e meno complesso, fatto di precise regole, vi invito a leggere questo e farvi una vostra idea.

In base alla ricerca al link sopra, non sembrano gli italiani il problema, che invece vengono riconosciuti come brave persone, ma il sistema paese a scoraggiare eventuali professionisti a trasferirsi qui.

Spero di aver spiegato il mio pensiero. Non voglio scadere nell'inutile e comunque immotivato autorazzismo, ma chiarire perché secondo me molti non vogliono restare in Italia.


Ed a scanso di equivoci, non pensate che in Spagna siano messi meglio, basta guardare alla loro alta disoccupazione. La situazione economica dovuta all'euro è molto simile a quella italiana, ma al momento la cosa pubblica sembra gestita in maniera più efficiente e meno contorta. E guardate l'esposizione delle banche spagnole al problema turco e argentino...




Giusto per dirvi che se dovete fare una scelta di vita guardando ai "fondamentali" non è che sia la miglior destinazione. In quel caso sbirciate in Canada, Australia, Svizzera, Nord Europa e gli intramontabili USA. O qualche sorpresa al link di cui sopra.


E il blog che fine farà?
Una delle prime cose su cui mi sto interrogando, è se togliere il blog da Facebook, cosa che rimugino da almeno un anno, per due motivi:
  1. è un luogo davvero disgustoso. Non è mai stato il massimo (forse è stato sempre così) ma ultimamente con la storia delle fake-news sta dando il peggio di se. Stessa cosa per tutti gli altri social, dove ormai i personaggi famosi danno solo sfogo alla loro presunta verità, e i non-famosi alla loro voglia di dire qualsiasi cosa per diventare tali.
  2. da quando è cambiato l'algoritmo, i miei post circolano 10 volte meno (forse se pago, chissà). Ma non è censura, sono solo scelte aziendali...
Il mio trasferimento implicherà altri cambiamenti nel blog. Non so quanto tempo potrò dedicargli. Se invece voglio che porti delle entrate, dovrò aumentare l'offerta e la qualità delle informazioni che pubblico e scegliere tra pubblicità o donazioni.

La pubblicità non è nei miei obiettivi, e per chiedere soldi questo blog deve valerli. Questo blog deve servire alle persone, in termini pratici.

Per il momento dai commenti e dalle e-mails che ricevo vedo che gli aggiornamenti piacciono, mentre i trading system o i fondi, visto che i rendimenti stentano ad arrivare, non hanno il successo sperato. Diventa più difficile del previsto creare un sistema di semplice gestione con un rendimento accettabile ma questo è l'obiettivo primario del blog e continuerò a lavorarci.

Altra cosa che col senno di poi ha funzionato, era il calcolo del fair-value con relativo stock picking sulla base della solidità finanziaria e del rendimento come nel caso di DIASORIN.

Dunque, cosa abbia senso fare, dovete dirmelo voi.

Cosa funziona, cosa no, cosa vorreste e cosa posso smettere di pubblicare perché non interessante.

O anche un semplice messaggio: non sei all'altezza e quello che fai. Il lavoro su questo blog in fondo, non ha valore.

Vi assicuro che un commento simile può non essere piacevole, ma lo preferirei mille volte ad un commento di semi-complimenti finti e non sinceri, che non farebbero crescere questo progetto.

Se nella mia carriera (quella primaria) non avessi avuto gente che mi avesse sbattuto brutalmente in faccia la verità, non sarei mai cresciuto e tutta una serie di soddisfazioni non me le sarei mai tolte.

Quindi chi vuole darmi una mano, usi dieci minuti del prioprio tempo per rispondere con sincerità alle domande in fondo, inviando tutto sulla e-mail del blog, non nei commenti.

Inizierò a lavorare ad una soluzione per il cambiamento e l'anno prossimo valuterò quanto vale il nuovo blog e se è il caso di lasciarlo aperto.

Ringrazio chi vorrà aiutarmi al miglioramento di questo sito.

Saluti
Ivano


DOMANDE:

  1. Cosa ne pensi delle informazioni che trovi su questo blog. Ti sono utili? Vorresti averne di più? Di che tipo? Con che cadenza? 
  2. Trovi le informazioni di questo blog anche su altri siti che conosci? 
  3. Trovi questo blog differente dal panorama dei siti finanziari che vedi in giro? 
  4. Cosa trovi più utile di questo sito, cosa più inutile?
  5. Cosa ti piace? Cosa no?
  6. Quali mercati oltre l'italiano dovrebbero essere trattati secondo te? 
  7. Hai mai avuto informazioni da questo blog che ti hanno permesso di guadagnare nel tuo trading/investimento, oppure di non fare investimenti sbagliati ed evitare di perdere soldi? 
  8. Troveresti utile un monitoraggio trimestrale che indicasse i titoli più finanziariamente solidi e potenzialmente più redditizi del mercato italiano?
  9. E se il blog fosse in lingua inglese?
  10. Hai altri commenti da fare?

13 commenti:

  1. Ciao Ivano. Innanzitutto complimenti per la scelta, ami la Spagna e la zona di Valencia è la mia preferita, soprattutto come gente. Per la qualità di vita hai ragione, ho solo il dubbio sulla sanità, che non conosco, e istruzione pubblica. Venendo alle domande:
    Trovo molto interessanti le informazioni di questo blog, specie quando pubblichi articoli di formazione.
    Hai un punto di vista diverso e questo mi è utile.
    Non seguo particolarmente gli aggiornamenti sul ftse mib, mi piacerebbe trattassi anche sp500.
    Mi piacerebbe un monitoraggio trimestrale che indicasse i titoli più finanziariamente solidi e potenzialmente più redditizi del mercato italiano, specialmente se spieghi bene i parametri che consideri.
    Se il blog fosse in lingua inglese, sarebbe un problema.
    Grazie di tutto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quello che ho visto la situazione sanitaria mi ha sorpreso molto, in positivo, sull'aspetto organizzativo. Non saprei riguardo la qualità dei medici e del personale.

      Impara l'inglese che è la lingua della finanza!

      Elimina
  2. Personalmente apprezzo molto il lavoro sul fair value. Se lo fai in maniera costante (diciamo, un pick al mese), con aggiornamenti quindicinali sui pick effettuati, per un portafoglio "ideale" che abbia una dozzina di azioni, sarei disposto senza problemi a pagare un canone annuale sottoforma di donazione. Essendo un lavoro non semplice, chiaramente farlo bene richiede un certo impegno, ma ha anche un grandissimo valore. Ti invio il mio indrizzo email in privato.
    Ciao, Angelo

    RispondiElimina
  3. Innanzitutto in bocca al lupo per la tua scelta di vita.

    Per quanto riguarda le domande:
    1) Trovo molto utili gli articoli di formazione generale per i quali mi piacerebbe una cadenza settimanale.
    2) Sì, ma non spiegati in modo così chiaro.
    3) Sì certo, decisamente e ... per fortuna.
    4) Più utili le informazioni finanziarie su problematiche di attualità, più inutili i trading system di breve periodo, per i quali credo sia necessaria una esperienza di decenni nel trading e un "sistema" comprovato in grado di far soldi da vendere a pagamento.
    5) Mi piace il tuo modo molto diretto e molto "sanguigno" di esporre le notizie; non c'è niente in particolare che non mi piaccia.
    6) Decisamente il mercato americano, il più importante di tutti.
    7) Sì, molto spesso le cose che scrivevi tu erano quelle che pensavo anch'io.
    8) Sì, ma per te sarebbe un lavoro immane e mal pagato.
    9) Andrebbe bene comunque, anche se preferirei l'italiano.
    10) Sì; per favore non perdere il vizio di dire pane al pane e vino al vino come nessuno meglio di te sa fare!

    Ciao
    Fabio

    RispondiElimina
  4. Innanzitutto complimenti per la scelta, Valencia è una città stupenda, di mare e collegata benissimo. Passo al sondaggio:


    Ottime le informazioni, la cadenza settimanale va bene.
    No. seguo altri blog finanziari ma le informazioni sono diverse
    Si decisamente differente.
    Tutto utile.
    Leggo sempre tutto con piacere.
    Futures italiani, azionario, dax, indici.
    Sinceramente no. Forse agli inizi.
    No
    Lo troverei stra-stra utile.
    In inglese non lo seguirei molto.

    E' inutile che ci giriamo intorno, se seguo un blog di finanza voglio guadagnare, altrimenti seguirei siti di giardinaggio, fai da te, sport, viaggi che mi appassionano ugualmente. Non necessariamente tirarci uno stipendio ma almeno arrotondare. Personalmente mi piaceva quando pubblicavi un'operazione al giorno sul mini alle 9.20. Anche inserire un portafoglio titoli di breve-medio periodo non sarebbe male.

    Ciao e buona vita.

    P.s. dalla mail non riesco perchè mi dà indirizzo invalido, metto il commento sul blog.

    RispondiElimina
  5. Buongiorno ivano,
    da esperto di borsa può dirmi se il betting exchange è un valido modo per guadagnare soldi lungo termine (se uno è bravo) o se si perdono soldi ? Grazie imn anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco cosa c'entri la borsa con le scommesse onestamente. Da un punto di vista statistico ci sono situazioni in cui si può guadagnare con le scommesse, incluso il betting exchange e le sure bet, ma le condizioni operative sono molto complesse (apertura di più conti, rischio fallimento broker, etc.) e il tempo da dedicare molto. L'ho studiato per un po' ma poi ho lasciato perdere, meglio i mercati tradizionali a mio parere.

      Elimina
  6. in teoria è diverso dakle scmmmesse in quanto puoi entrare a partita in corso, uscire prima,mettere lo stop loss e take profit...poi io non sono un esperto ahah, comunque grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se devo fare tutto 'sto casino in un mercato imprevedibile e con poca liquidità non è meglio fare trading classico?

      Elimina
    2. non lo so, a me il betting excange sembrava più semplice ma non ne ho idea, la borsa mi sambra più difficile

      Elimina
    3. Puoi leggere qui https://www.smetteredilavorare.it/2018/09/matched-betting-quanto-si-guadagna.html?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed:+SmettereDiLavorare+(Smettere+di+lavorare)

      Elimina
  7. In bocca al lupo per la tua nuova "avventura". Io ho vissuto 3 anni a Granada, ahimè, ormai un po' di anni fa, e se dicessi che ci sono stato male mentirei :)

    Le domande:

    Cosa ne pensi delle informazioni che trovi su questo blog. Ti sono utili? Vorresti averne di più? Di che tipo? Con che cadenza?
    - sicuramente si. averne di più è sempre meglio, ma una cadenza settimanale o bisettimanale è già buona. Apprezzo anche gli articoli non tecnici, per così dire.

    Trovi le informazioni di questo blog anche su altri siti che conosci?
    - in parte si, ma qui sono contestualizzati dal punto di vista di un investitore risparmiatore

    Trovi questo blog differente dal panorama dei siti finanziari che vedi in giro?
    - assolutamente si, molto differente anche se in verità non ne frequento molti

    Quali mercati oltre l'italiano dovrebbero essere trattati secondo te?
    - su questo non ho risposte precise, sicuramente i più affidabili e meno volatili

    Hai mai avuto informazioni da questo blog che ti hanno permesso di guadagnare nel tuo trading/investimento, oppure di non fare investimenti sbagliati ed evitare di perdere soldi?
    - magari sono entrato anche al momento sbagliato, ma al momento ci ho perso. però le tue riflessioni su stare sempre molti attenti mi hanno probabilmente salvato dal perdere solo una piccola parte del superfluo, e non tirare troppo la corda

    Troveresti utile un monitoraggio trimestrale che indicasse i titoli più finanziariamente solidi e potenzialmente più redditizi del mercato italiano?
    - Molto utile. In realtà quello che cerco è un portafoglio-investimento-risparmi dove il rischio è ridotto al minimo possibile, e dove non ci siano intermediari fra me e i miei soldi. Capisco che è praticamente un lavoro, ma ovviamente per una cosa del genere sarei disposto a pagare.

    E se il blog fosse in lingua inglese?
    - per me non farebbe differenza

    RispondiElimina
  8. Complimenti per il cambiamento.

    Le domande
    Cosa ne pensi delle informazioni che trovi su questo blog.Ti sono utili? Vorresti averne di più? Di che tipo? Con che cadenza?
    Le informazioni danno una panoramica completa su quello che essere il mondo non solo finanziario ma anche economico. Sono giuste in termini di quantità e cadenza.

    Trovi le informazioni di questo blog anche su altri siti che conosci?
    Si ma qui sono correlate tra loro

    Trovi questo blog differente dal panorama dei siti finanziari che vedi in giro?
    Si, qui c'è un informazione più consapevole meno fuffa

    Cosa trovi più utile di questo sito, cosa più inutile?
    E' un sito diverso che da un'informazione diversa, articolata e rispondente alle necessità pratiche dell'investitore principiante che intende aumentare la propria consapevolezza.

    Cosa ti piace? Cosa no?
    Mi piace la diversa prospettiva dell'informazione fornita, l'impaginazione semplice, senza fronzoli e diretta. Non mi piace, dal punto di vista finanziario, il fatto di cambiare metodi di investimento (a me interessava il piano pensionistico come era articolato) magari sarebbe stato interessante cambiare qualcosa ma lasciarlo in piedi o riarticolarlo con strumenti strumenti diversi.

    Quali mercati oltre l'italiano dovrebbero essere trattati secondo te?
    Il Mercato australiano

    Hai mai avuto informazioni da questo blog che ti hanno permesso di guadagnare nel tuo trading/investimento, oppure di non fare investimenti sbagliati ed evitare di perdere soldi?
    Si, con l' etc long sul dollaro canadese ho raccattato qualche Euro e mi ha fatto conoscere uno strumento diverso che inserito al momento opportuno in un portafogli da i suoi frutti, anche a copertura di investimenti in Euro.

    Troveresti utile un monitoraggio trimestrale che indicasse i titoli più finanziariamente solidi e potenzialmente più redditizi del mercato italiano?
    No, non amo il mercato italiano perchè lo trovo poco trasparente, in mano alle banche e con poche realtà produttive di spessore.

    E se il blog fosse in lingua inglese?
    Nessun problema.

    Hai altri commenti da fare?
    Sarei disposto a pagare (max 10€/mese) per un servizio di portafogli preconfenzionati in etf/etc che avessero un servizio di alert su telegram, come ce ne sono, che fossero articolati su bond, indici e valute.

    RispondiElimina

ATTENZIONE: Postando un commento accetti la privacy policy di questo sito, redatta in adempimento dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dell’art.13 del Regolamento UE n. 2016/679. La privacy policy è visibile da tutte le pagine del blog mediante link nel menù principale in alto a destra.